top of page
  • Asia Fantinato

McDonald's, il simbolo della fine di una guerra e l'inizio di un'altra


Tutto iniziò il 31 Gennaio del 1990 quando la città di Mosca festeggiava l'apertura del primo McDonald's nell'Unione Sovietica.


Ventisettemila persone, scriveva nel 1990 il Washington Post, creavano una lunga coda per mangiare il panino più famoso, quello del McDonald's. Nel giorno di apertura furono venduti 30mila hamburger, un record storico.


L'arrivo del fast-food statunitense era un evento simbolico, aria di cambiamento. Infatti la Guerra Fredda era appena finita, a Mosca il clima gioioso con la possibilità di assaggiare un piatto tipico di coloro che fino a poco prima erano nemici.


Un segno che lasciò un'epoca di tensioni e diede inizio ad un nuovo tempo, il tempo della pace.

A fine febbraio 2022, nel periodo in cui la Russia con Vladimir Putin invase l'Ucraina, nel paese si contavano 850 ristoranti. A causa per l'appunto della guerra scatenata da Putin, la catena di fast-food ha deciso drasticamente di chiudere i propri ristoranti in tutta la Russia.


Così a distanza di anni, al posto del McDonald's, la popolazione russa deve accontentarsi della nuova versione: Vkusno i tocka, che significa "delizioso e basta".


Sicuramente il panino e le patatine sono una certezza nel nuovo fast-food ma come sappiamo il gusto del McDonald's è inimitabile.

Comments


bottom of page