top of page
  • Federico Roia

Katia Krafft e il coraggio tra i vulcani




Nel mondo della vulcanologia troviamo numerose donne che hanno dato il loro contributo a questa disciplina, e tra di esse troviamo Katia Krafft.


Katia Krafft è stata una figura importante nel campo della vulcanologia, una scienziata appassionata e coraggiosa che ha dedicato la sua vita allo studio dei vulcani e alla documentazione delle loro eruzioni. Nata nel 1942, ha conseguito la laurea in storia all'Università di Strasburgo nel 1969 e ha iniziato a lavorare come assistente di ricerca al CNRS (Centro Nazionale di Ricerca Scientifica). Tuttavia la sua vera passione era la vulcanologia, e presto ha iniziato a viaggiare in tutto il mondo con suo marito Maurice Krafft, anche lui vulcanologo e fotografo.


Negli anni '70 Katia e Maurice hanno iniziato a documentare le eruzioni vulcaniche in tutto il mondo, spesso mettendo a rischio la loro vita per ottenere immagini e dati preziosi. Hanno viaggiato in paesi come l'Islanda, l'Italia, l'Indonesia e il Giappone, documentando le eruzioni di vulcani come l'Etna, il Krakatoa e il Sakurajima. Le loro fotografie e filmati sono diventati famosi in tutto il mondo e hanno contribuito in modo significativo alla comprensione scientifica dei vulcani.


Purtroppo il loro lavoro ha comportato anche un grande rischio personale. Nel 1991 Katia e Maurice si trovavano a documentare l'eruzione del vulcano Unzen in Giappone, quando sono stati travolti da un flusso piroclastico. Entrambi sono morti sul posto, insieme ad altre 41 persone. La loro morte ha rappresentato una grande perdita per la comunità scientifica e per tutti coloro che ammiravano il loro coraggio e la loro passione.


In conclusione, Katia Krafft è stata una figura straordinaria nel campo della vulcanologia, una scienziata appassionata e coraggiosa che ha dedicato la sua vita allo studio dei vulcani e alla documentazione delle loro eruzioni. La sua eredità vive ancora oggi attraverso le sue fotografie e i suoi filmati, che continuano a ispirare e a educare le persone in tutto il mondo sulla bellezza e la potenza dei vulcani.

Comments


bottom of page